Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 29 maggio 2020
Torna alla versione grafica - home

Visto su Documenti per l'Estero



Asti, 29 maggio 2020
Ultimo aggiornamento: 21.06.2019



Estero



VISTO SU DOCUMENTI PER L'ESTERO

Informazioni, documentazione, modalitÓ, tempi e costi per il rilascio di visto su documenti per l'estero


Contenuto pagina

  

VISTO DI DEPOSITO

 

Viene apposto dalla Camera di Commercio su documenti emessi da un Organismo o Ente ufficiale (ASL, Istituti Nazionali di Certificazione, Organismi internazionali, ecc.). Una copia del documento è conservato agli atti della Camera.

 

VISTO DI DEPOSITO

 

 Viene apposto su dichiarazioni rese sulla carta ufficiale dell’impresa da parte del legale rappresentante/procuratore, a seguito della verifica della posizione del firmatario al Registro delle imprese.

 

 

VISTO SU FATTURA

 

 Con le nuove disposizioni sulle fatture non potrà più essere apposto il visto di deposito, ma soltanto un visto attestante i poteri di firma del dichiarante. Ai fini del visto, la fattura, presentata esclusivamente in forma telematica, dovrà riportare la firma digitale e olografa del legale rappresentante/procuratore dell’impresa.

A partire dal 1° giugno 2019 viene soppresso il visto “conformità di firma” sostituito definitivamente dal “visto poteri di firma”.

 

IL RICHIEDENTE

 

Il visto può essere richiesto:

 

- dal legale rappresentante o procuratore dell’impresa;

- dallo spedizioniere o dal rappresentante fiscale di una impresa estera formalmente delegato. In      questo caso l’intermediario deve essere in possesso della delega da parte dello speditore.

 Nel caso in cui la domanda di apposizione del visto sia presentata dallo spedizioniere, questi compilerà      per conto dello speditore la domanda di visto sulla piattaforma Cert’O’, salverà il file generato dal sistema, lo invierà al legale rappresentante/procuratore dello speditore per la firma digitale e lo allegherà alla pratica telematica.

 

  COSTO DEL SERVIZIO

 

             Il costo è di € 3,00  a titolo di diritti di segreteria per ogni documento vistato.

                  

COME RICHIEDERE L’APPOSIZIONE DEI VISTI

 

Con nota n. 62321 del 18 marzo 2019, il Ministero dello sviluppo economico, d’intesa con Unioncamere, ha aggiornato le disposizioni per il rilascio da parte delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura dei certificati d’origine per merci di origine non preferenziale e dei documenti per l’estero.

Tra le principali novità previste dalle nuove disposizioni vi è l’obbligatorietà a partire dal 1° giugno della domanda telematica relativa ai documenti per l’estero. I  visti dovranno pertanto essere richiesti esclusivamente con PROCEDURA TELEMATICA tramite la piattaforma informatica Cert’O’. L’utilizzo della piattaforma Cert’O’ è gratuito.

La Camera di commercio di Asti mette a disposizione il servizio CERT’O’ per l’invio telematico delle richieste di rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero. Il servizio consente di richiedere e pagare via internet il visto che può essere successivamente ritirato presso lo sportello per il rilascio dei Documenti per l’estero.

 

             ITER DA SEGUIRE PER POTER ATTIVARE IL SERVIZIO

 

 

 

 


 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

ESTERO

Riferimento Ufficio: INFORMAZIONE E  SVILUPPO ECONOMICO
Indirizzo Piazza Medici 8 - 14100 Asti
Telefono 0141.535257-75
Fax 0141.535200
E-mail studi@at.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý : 8.30 - 12.30

[ inizio pagina ]