Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 28 luglio 2017
Torna alla versione grafica - home

REA



Asti, 28 luglio 2017
Ultimo aggiornamento: 15.11.2012



Registro Imprese



REA


Contenuto pagina

NORMATIVA 
 

Artt. 9 e 10 del DPR 581/1995
Regio Decreto n. 2011 del 20/09/1934 relativo al Registro delle Ditte
L. n. 630 del 04.11.1981

 

Presso il Registro delle Imprese è istituito il Repertorio Economico Amministrativo (REA). 

Il R.E.A. completa e integra le informazioni del Registro delle Imprese. 
Contiene infatti notizie economico/amministrative riguardanti tutti i soggetti iscritti al Registro delle Imprese quali ad esempio: 
- l'inizio, la modifica, la sospensione o la cessazione dell'attività, 
- l'apertura, modifica o cessazione di unità locali, 
- le nomine e cessazioni di responsabili tecnici,
- l'indicazione dell'attività prevalente. 

Oltre ai dati economici delle imprese, il R.E.A. raccoglie le informazioni relative ai soggetti collettivi (associazioni, fondazioni, comitati, partiti politici) che pur non essendo imprese e quindi non esercitando un'attività a scopo di lucro, svolgono un'attività economica/commerciale/agricola  secondaria e strumentale allo scopo principale  del soggetto rivolta all'esterno.

Al riguardo si precisa  che la Corte di Cassazione con sentenza n. 25462 del 20/10/2008 ha stabilito che l'associazone (o soggetto analogo) che distribuisce bevande dietro il pagamento di un corrispettivo e che rilascia immediatamente le tessere a chi si presenta all'ingresso è di fatto aperto al pubblico e pertanto esercita attività commerciale; la Corte ricorda inoltre che l'attività di bar con mescita di bevande dietro corrispettivo specifico (anche se effettuata ai propri associati) non rientra tra le finalità istituzionali dell'associazione e pertanto la stessa deve essere iscritta nel REA.  


SOGGETTI OBBLIGATI  

Impresa individuale:  il titolare dell'impresa, l'institore eventualmente preposto all'esercizio dell'impresa.

E' legittimato anche  il procuratore ai sensi degli artt. 2205 del codice civile e seguenti, nonchè quello incaricato tramite l'apposito modello di Procura ComUnica.
Tale modello dovrà essere firmato digitalmente dal delegato e sottoscritto in maniera autografa dal titolare e presentato unitamente a fotocopia di un documento di identità del sottoscrittore secondo le modalità previste dall' art. 38 comma 3 del D.P.R. n. 445/2000.
Non sono legittimati alla presentazione delle denunce i commercialisti e gli esperti contabili iscritti all'Albo secondo quanto previsto dalla legge 340/2000.

Società : soci amministratori di società di persone / amministratori società di capitali.  
Sono legittimati alla presentazione delle denunce anche il procuratore incaricato all'invio tramite l'apposito modello di Procura ComUnica,  i commercialisti e gli esperti contabili iscritti all'Albo secondo quanto previsto dalla legge 340/2000. 
La denuncia  dovrà pertanto essere firmata digitalmente da un amministratore o dal procuratore o dal professionista incaricato. 

Associazioni/fondazioni/enti collettivi/ enti pubblici non economici: i legali rappresentanti. Sono legittimati alla presentazione delle denunce anche il procuratore incaricato con l'apposito modello di Procura ComUnica e i commercialisti e gli esperti contabili iscritti all'Albo secondo quanto previsto dalla legge 340/2000.

Imprese e Società estere : il titolare /i legali rappresentanti. Sono legittimati alla presentazione delle denunce anche il procuratore incaricato con l'apposito modello di Procura ComUnica e per le società estere i commercialisti e gli esperti contabili iscritti all'Albo secondo quanto previsto dalla legge 340/2000. La denuncia  dovrà essere firmata digitalmente dal titolare/i legali rappresentanti o dal procuratore o dal professionista incaricato. 




MODELLI E MODALITA  DI  PRESENTAZIONE

Per le denunce dovranno essere utilizzati a seconda dei casi i seguenti modelli 

Società:
Modello S5 per l'inizio/modifica/cessazione attività economica esercitata all'indirizzo della sede della società.
Modello UL per l'inizio/modifica/cessazione attività svolta in una luogo diverso dalla sede legale. 
Modello INT P per la denuncia di una persona fisica che ricopre una carica REA. E' tale ad esempio la carica di responsabile tecnico.
 

Imprese Individuali 
Modello I2 per denuncia/variazione dell'insegna e deposito titoli autorizzativi/abilitativi senza variazione dell'attività svolta.
Modello UL per l'inizio/modifica/cessazione di UL senza attività (ad esempio magazzino, ufficio) o per l'inizio/modifica/cessazione di UL per imprese individuali aventi sede in altra Provincia.
Modello INT P per la denuncia di una persona fisica che ricopre una carica non iscrivibile al Registro delle Imprese. E tale ad esempio la carica di responsabile tecnico.
 

Associazioni/fondazioni/enti collettivi/ enti pubblici non economici.

Modello R  per richiedere l'iscrizione nel REA del soggetto collettivo.
A tale modello dovrà essere allegato il modello  S5,  il modello UL ove necessario  e il modello INT P.

E’ necessario allegare, inoltre,  i seguenti documenti:

- copia dell'atto costitutivo e/o dello statuto o altro atto scritto equivalente da cui si evincono tutti i dati identificativi del soggetto da iscrivere nel REA;

- copia dell'atto di nomina del legale rappresentante, qualora lo stesso sia stato nominato con atto diverso dall'atto costitutivo e successivo.

 

Copia dell’atto costitutivo e/o dello statuto o altro atto scritto equivalente da cui si evincono tutti i dati identificativi del soggetto collettivo only-REA

Copia dell’atto di nomina del legale rappresentante, qualora lo stesso sia stato nominato con atto diverso dall’atto costitutivo e successivo

Copia dell’atto di nomina del legale rappresentante, qualora lo stesso sia stato nominato con atto diverso dallUnità locale di società o impresa estera.
per unità locale deve intendersi l’impianto operativo o amministrativo-gestionale ubicato in luogo diverso da quello della sede, nel quale l’impresa esercita stabilmente una o più attività economiche (uffici di rappresentanza, negozi, stabilimenti ecc..). Si differenzia dalla sede secondaria per la mancanza di una figura di preposto o institore che possa rappresentare stabilmente l’impresa (preposto/institore).
 

Modello R presentato da un legale rappresentante della società. Sono legittimati alla presentazione delle denunce anche il procuratore incaricato all'invio tramite l'apposito modello di Procura ComUnica ,  i commercialisti e gli esperti contabili iscritti all'Albo secondo quanto previsto dalla legge 340/2000. La denuncia  dovrà pertanto essere firmata digitalmente da un legale rappresentante della società o dal procuratore o dal professionista incaricato.

Intercalari P con i dati anagrafici relativi ai legali rappresentanti.
 

E’ necessario allegare, inoltre:

  • certificato, rilasciato dall’ente dello stato estero che esercita le funzioni corrispondenti al registro delle imprese in Italia, dal quale risultino i dati anagrafici e i legali rappresentanti dell’impresa, tradotto e asseverato da parte di un perito del tribunale o da ambasciata o consolato italiano ubicato nello stato estero,

qualora le informazioni contenute nel suddetto certificato non siano complete rispetto ai dati richiesti, per l'iscrizione nel REA  dell'UL della società / impresa estera, occorrerà allegare anche:

  • copia conforme dell’atto costitutivo con traduzione asseverata in lingua italiana eseguita da un perito iscritto presso il tribunale. La traduzione può essere eseguita anche presso l’ambasciata italiana / consolato all'estero.

 

ALLEGATI ALLA MODULISTICA

Se l'attività denunciata è soggetta a una preventiva autorizzazione di una pubblica amministrazione o alla dichiarazione del possesso di determinati requisiti o ancora all' iscrizione in registri, albi, elenchi, ecc.. dovranno essere indicati sul modello gli estremi dell'autorizzazione/ iscrizione/denuncia/dichiarazione (numero, data ed Ente presso cui è stata richiesta l'autorizzazione, l'iscrizione o effettuata la denuncia/ dichiarazione). 
In alternativa è possibile allegare una copia del documento (fotocopia nel caso di presentazione di pratica cartacea e scansione nel caso in cui la pratica sia informatica).
A questo riguardo si consiglia di consultare il MIDA contenente  l'elenco delle principali attività regolamentate predisposto dagli uffici registro imprese del Piemonte .
 

Si precisa, inoltre, che in seguito all'entrata in vigore del DPR 160/2010 le denunce/dichiarazioni che consentono di iniziare l'attività contestualmente alla presentazione delle stesse al SUAP possono essere allegate alla ComUnica e trasmesse per il tramite dell'ufficio R.I. al SUAP stesso (http://www.impresainungiorno.gov.it/sportelli-suap). In tal caso non è necessario allegare nessuna altra documentazione.


DIRITTTI DI SEGRETERIA  
Società: € 30,00 se la trasmissione avviene telematicamente oppure € 50,00 se la presentazione avviene su supporto informatico (CD Rom ). In questo ultimo caso il pagamento può avvenire in contanti o con bancomat allo sportello oppure con versamento su conto corrente postale n. 123141, intestato alla Camera di Commercio di Asti, Registro delle Imprese (l'attestazione di pagamento dovrà essere scannerizzata e allegata alla pratica).

Imprese individuali : € 18,00 sia per la trasmissione telematica che su supporto informatico (CD Rom). In questo ultimo caso il pagamento può avvenire in contanti o con bancomat allo sportello oppure con versamento su conto corrente postale n. 123141, intestato alla Camera di Commercio di Asti, Registro delle Imprese (l'attestazione di pagamento dovrà essere scannerizzata e allegata alla pratica).

 

DIRITTO ANNUALE 
entro 30 gg dalla data di presentazione della domanda di iscrizione  dell'unità locale è dovuto il versamento del diritto annuale in base alla tariffa vigente, a mezzo del modello F24 Enti locali, codice tributo 3850.
L'ufficio provvederà alla riscossione del diritto annuale tramite addebito sul conto prepagato nel caso in cui il richiedente abbia inserito nel "borsellino prepagato" il corrispondente importo o ne richieda l'addebito nelle note della modulistica; l'ufficio non provvederà alla riscossione nel caso in cui:

- non venga indicato nulla dall'utente (il pagamento sarà in tal caso  a carico dell'utente stesso nei 30 giorni successivi alla data di presentazione della domanda/denuncia);

- venga già allegata alla pratica copia del modello F24 attestante l'avvenuto pagamento.

Le Unità locali di  soggetti solo REA (associazioni/fondazioni/enti collettivi/enti pubblici non economici) sono esentate dal pagamento del diritto annuale.

 

IMPOSTA DI BOLLO   
Per le denunce R.E.A. non è previsto il pagamento di nessuna imposta di bollo.

Occorre fare la massima attenzione circa l'inserimento in distinta della indicazione relativa all'esenzione dell'imposta di bollo. In mancanza di tale indicazione e della regolarizzazione nei termiti assegnati, l'ufficio provvederà in ogni caso all'addebito dell'imposta di bollo non correttamente inserita.

 

TERMINI
30 giorni dal verificarsi dell'evento. 


Note relative alla denuncia dell'attività


1. La descrizione dell'attività da denunciare deve essere sintetica, chiara, concreta e possibilmente senza l'uso di termini strettamente tecnici o in lingua straniera, fanno eccezione le parole straniere di uso comune e largamente conosciute. E sconsigliabile riportare parti del contenuto dell'oggetto sociale indicato nell'atto costitutivo delle società perché spesso l attività svolta non viene definita in modo concreto. 

2. Deve essere indicata l'attività effettivamente esercitata, la data di inizio dell'attività e nel caso di inizio di più attività occorre riportare la descrizione di ciascuna, distinguendo l'attività primaria dalla attività secondaria. Sia nel caso di denuncia di una ulteriore attività sia nel caso di variazione dell'attività già esercitata deve essere dichiarata l'attività prevalente dell'impresa; quando questa varia a seguito dell'attività esercitata nella sede deve essere indicata l'attività economica ritenuta prevalente tra tutte le attività effettivamente svolte sia presso la sede che presso eventuali unità locali, precisando anche la data dalla quale la medesima si ritiene prevalente. Per l'individuazione dell'attività prevalente si avrà riguardo al criterio del volume d'affari.

3. Per quanto riguarda in particolare la data di inizio dell'attività: in nessun caso può essere una data futura e quando l'attività è soggetta ad autorizzazioni, iscrizioni, nulla osta, denunce, ecc… non potrà essere anteriore alla data di rilascio dell'autorizzazione, alla data di iscrizione, alla data della denuncia e così via.

 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]