Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 4 agosto 2020
Torna alla versione grafica - home

MARCHI DI IMPRESA



Asti, 4 agosto 2020
Ultimo aggiornamento: 27.02.2020



Brevetti, marchi e tutela della proprietÓ industriale



RDIMARCHIO

MARCHI DI IMPRESA


Contenuto pagina

Per marchio di impresa si intende il segno distintivo che contraddistingue i prodotti e i servizi che un’impresa produce o mette in commercio; tale segno può consistere in parole, compresi i nomi di persona, disegni, lettere, cifre, suoni e altresì nella forma del prodotto o della confezione, e nelle combinazioni e tonalità cromatiche, purché idonei a distinguere i prodotti e servizi di un’impresa da quelli di altre.

Il marchio, quindi, è un bene immateriale facente parte del patrimonio dell’impresa, che ne evidenzia l’immagine e la notorietà, permettendo altresì ai consumatori di distinguere e identificare i prodotti e i servizi dell’ impresa rispetto a quelli della concorrenza.

Perché il marchio venga validamente depositato, è necessario che possieda determinati requisiti legislativamente previsti, ovvero la novità, intesa come assenza di marchi anteriori identici o simili per prodotti o servizi identici o affini, la capacità distintiva, ovvero l’attitudine del marchio a distinguersi dalla denominazione generica del prodotto o del servizio di cui tratta, e la liceità, riscontrabile quando il marchio  non è contrario alla legge, all’ordine pubblico e al buon costume e non viola diritti di terzi derivanti, tra gli altri, dal diritto d’autore.

 

Banche dati

E' opportuno, prima di depositare un marchio, effettuare ricerche d'anteriorità.

Per farlo si può accedere alle seguenti banche dati:

Per ulteriori approfondimenti, consultare la Guida per il deposito dei Titoli di P.I. - Parte I

 

Per i moduli da utilizzare e le informazioni sulla Classificazione dei prodotti o servizi da proteggere con il marchio che si intende depositare consultare la pagina Modulistica

 

 


NOVITA' NORMATIVE – CONVERSIONE DEL SEGNO IN MARCHIO COLLETTIVO O IN MARCHIO DI CERTIFICAZIONE

Ai sensi dell’art. 33 del D.lgs. n. 15/2019, entro il 23 marzo 2020 (data spostata al 31/12/2020 con il decreto 'milleproroghe') tutti i marchi collettivi in vita, registrati sulla base della normativa antecedente il D.lgs. 15/2019, devono necessariamente, pena la decadenza del titolo, essere convertiti in marchio collettivo, o marchio di certificazione, ai sensi della nuova disciplina.

La conversione deve avvenire attraverso il deposito di una nuova domanda di registrazione di marchio collettivo o di certificazione, ai sensi della nuova disciplina, avendo cura di indicare nel campo note la seguente frase: “Conversione in marchio di certificazione (o collettivo a seconda dei casi), così come definito dal decreto legislativo 15 del 20 febbraio 2019, del marchio collettivo avente numero di domanda … (inserire il numero di deposito del marchio collettivo registrato secondo la normativa antecedente il D.lgs. 15/2019 - con il numero di domanda nel formato 'nuovo' - ; nel caso di marchio collettivo già rinnovato, inserire il numero dell’ultima domanda di rinnovo)”.

Circolare esplicativa 607

Per ulteriori informazioni consultare il sito dell'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

MARCHI E BREVETTI

Riferimento Ufficio: AFFARI LEGALI E  GESTIONE RISORSE UMANE
Indirizzo Piazza Medici 8 - 14100 Asti
Telefono 0141.535177/249/269
Fax 0141.535200
E-mail legale@pec.at.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý : 8.30 - 12.30

[ inizio pagina ]