Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 21 settembre 2021
Torna alla versione grafica - home

Dichiarazione M.U.D. 2021



Asti, 21 settembre 2021
Ultimo aggiornamento: 15.04.2021



Ambiente



DICHIARAZIONE M.U.D. 2021


Contenuto pagina

COMUNICAZIONI ANNUALI AMBIENTALI

 

MUD - Modello Unico di Dichiarazione Ambientale 2021

Il DPCM 23/12/2020 pubblicato sulla G.U. del 16 febbraio 2021 stabilisce le modalità per la presentazione del MUD 2021 con riferimento all’anno 2020 nonché le istruzioni e i modelli.

In base all’articolo 6 comma 2-bis della Legge 25 gennaio 1994 n.70, il termine per la presentazione della Dichiarazione ambientale è fissato in centoventi giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del DPCM e quindi al 16 giugno 2021.

 

Soggetti obbligati:

I soggetti tenuti alla presentazione del MUD – Comunicazione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente:

  • dall’articolo 189, commi 3 e 4 del D.lgs. 152/2006 come modificato dal D.lgs. 3 settembre 2020, n. 116;
  • dall’articolo 4, comma 6, del D.lgs. 24/06/2003, n. 182.

In particolare, i soggetti tenuti alla presentazione del MUD sono:

  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
  • Imprese ed enti, con più di 10 dipendenti, produttori iniziali di rifiuti nell’ambito di lavorazioni industriali/artigianali, attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi da potabilizzazione, trattamenti e depurazione di acque reflue, nonché rifiuti da abbattimento di fumi, dalle fosse settiche e dalle reti fognarie;
  • Trasportatori professionali di rifiuti (cat. 1,4,5 + 4bis dell’Albo gestori ambientali);
  • Trasportatori in conto proprio di rifiuti pericolosi (cat. 2bis dell’Albo);
  • Commercianti e intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • Gestori di rifiuti (che effettuano operazioni di recupero/smaltimento).

 

Soggetti esclusi dall’obbligo:

  • Soggetti non rientranti nella definizione di ente o impresa;
  • Chi non ha prodotto, trasportato, intermediato, gestito rifiuti nel 2020;
  • Produttori di rifiuti non pericolosi che svolgono attività agricole e agroindustriali, di costruzione e demolizione, commerciali, di servizio, sanitarie;
  • Produttori di rifiuti non pericolosi, fino a 10 dipendenti, che svolgono lavorazioni industriali/artigianali, attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi da trattamenti e depurazione di acque reflue, abbattimento fumi ecc.;
  • Produttori che conferiscono rifiuti al servizio pubblico di raccolta;
  • Imprese agricole di cui all'articolo 2135 del Codice civile;
  • Attività di servizio alle persone (codici Ateco 96.02.01, 96.02.02, 96.09.02).

 

Modalità di presentazione alla Camera di Commercio

Sono previste due modalità di trasmissione della Comunicazione ambientale: telematica o a mezzo PEC.

 

Trasmissione telematica

É obbligatoria per:

  • imprese ed enti che effettuano operazioni di trasporto, intermediazione, recupero e smaltimento di rifiuti;
  • produttori iniziali che trasportano direttamente i propri rifiuti pericolosi.

L’invio telematico deve essere effettuato attraverso il sito www.mudtelematico.it

La Comunicazione può essere compilata tramite l'apposito software, reperibile alla pagina https://www.mudtelematico.it/Home/Software

Conclusa la compilazione, il software genera il file della Comunicazione, che deve essere firmato digitalmente dal legale rappresentante dell'impresa, oppure da quello dell´associazione o dello studio che la trasmette per conto dell'impresa.

Si ricorda che, se la Comunicazione è presentata tramite associazioni o studi di consulenza, l'impresa interessata deve rilasciare apposita delega scritta, che dovrà essere conservata presso la sede del soggetto (associazione/consulente) che invia la Comunicazione.

Dal sito www.mudtelematico.it, dopo l’invio della comunicazione, è possibile estrarre immediatamente la ricevuta.

Per maggiori informazioni in merito al rilascio della firma digitale presso l’ufficio territoriale di Asti della Camera di Commercio di Alessandria Asti:  https://bit.ly/2zEElZD

Devono essere presentate esclusivamente tramite il sito www.mudtelematico.it anche le seguenti comunicazioni:

  • Comunicazione Veicoli fuori uso;
  • Comunicazione Imballaggi, sia Sezione Consorzi che Sezione Gestori Rifiuti di imballaggio;
  • Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche.

 

Trasmissione a mezzo PEC della Comunicazione semplificata

 

Possono presentare la Comunicazione Rifiuti Semplificata in alternativa a quella telematica i produttori iniziali che nella propria unità locale (UL) dichiarano fino a 7 rifiuti e, per ogni codice rifiuto, utilizzano fino a 3 trasportatori e 3 destinatari finali. La comunicazione rifiuti semplificata non può essere presentata da produttori che conferiscono i rifiuti all'estero

La Comunicazione Semplificata deve essere effettuata esclusivamente attraverso il portale: https://mudsemplificato.ecocerved.it. Si ricorda che non è più consentita la compilazione su modulo cartaceo della Comunicazione Rifiuti semplificata.

Dal 28 febbraio 2021, l’accesso ai siti web della Pubblica Amministrazione esclusivamente tramite il Sistema pubblico di identità digitale (Spid), la Carta d’identità elettronica (Cie) o la Carta nazionale dei servizi (Cns). Si possono ancora usare le credenziali già rilasciate fino alla loro naturale scadenza, comunque non oltre il 30 settembre 2021.

 

Una volta effettuato l'accesso, occorre inserire i dati richiesti nell'apposito modulo online e firmare il file della Comunicazione in formato PDF, che viene generato automaticamente dal sistema al termine dell'inserimento dati. Il file deve essere sottoscritto dal dichiarante con firma digitale o con firma autografa (dopo averlo stampato).

Si ricorda che, per ogni dichiarazione, il dichiarante deve effettuare il versamento dei diritti di segreteria (secondo le modalità e gli importi sotto specificati).

Il dichiarante deve infine creare un unico file, sempre in formato PDF, che includa i seguenti documenti (in formato digitale):

  • copia della Comunicazione Rifiuti semplificata firmata dal dichiarante;
  • copia dell'attestato di versamento dei diritti di segreteria di € 15,00 per U.L. dichiarante alla CCIAA competente (vedi indicazioni sottostanti);
  • copia del documento di identità del sottoscrittore (da allegare soltanto nel caso in cui la comunicazione sia stata sottoscritta con firma autografa).

Il file unico deve essere spedito esclusivamente via PEC (posta elettronica certificata), all’indirizzo comunicazioneMUD@pec.it (valido per tutto il territorio nazionale). Ogni mail trasmessa via PEC dovrà contenere una sola comunicazione MUD e dovrà riportare nell’oggetto esclusivamente il codice fiscale del dichiarante.

Non è più ammessa la spedizione postale, che viene considerata inesatta modalità di trasmissione della Comunicazione ed è soggetta a sanzione. A completamento dell'invio il dichiarante riceverà via PEC una ricevuta di accettazione e una ricevuta di avvenuta consegna. Solo la presenza di entrambe le ricevute consente di attestare l'avvenuta consegna della comunicazione.

Una guida riassuntiva sulle modalità di compilazione e trasmissione della Comunicazione semplificata è disponibile alla pagina https://www.ecocamere.it/adempimenti/mud nella sezione “Rifiuti semplificata”.

Se la comunicazione presenta anomalie che la rendono non conforme a quanto previsto dalle istruzioni, l'utente riceverà una notifica in tal senso e dovrà trasmettere nuovamente la comunicazione.

 

COMUNICAZIONE RIFIUTI URBANI, ASSIMILATI E RACCOLTI IN CONVENZIONE

 

Soggetti obbligati

I soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati comunicano le seguenti informazioni relative all'anno precedente:

  1. la quantità dei rifiuti urbani raccolti nel proprio territorio;
  2. la quantità dei rifiuti speciali raccolti nel proprio territorio a seguito di apposita convenzione con soggetti pubblici o privati;
  3. i soggetti che hanno provveduto alla gestione dei rifiuti, specificando le operazioni svolte, le tipologie e la quantità dei rifiuti gestiti da ciascuno;
  4. i costi di gestione e di ammortamento tecnico e finanziario degli investimenti per le attività di gestione dei rifiuti, nonché i proventi della tariffa di cui all'articolo 238 ed i proventi provenienti dai Consorzi finalizzati al recupero dei rifiuti;
  5. i dati relativi alla raccolta differenziata;
  6. le quantità raccolte, suddivise per materiali, in attuazione degli accordi con i Consorzi finalizzati al recupero dei rifiuti.

Nel caso in cui i produttori di rifiuti speciali conferiscano i medesimi al servizio pubblico di raccolta competente per territorio e previa apposita convenzione, la comunicazione è effettuata dal gestore del servizio limitatamente alla quantità conferita ai sensi dell’articolo 189 comma 4 del d.lgs. 152/2006.

Inoltre, i Comuni devono comunicare la quantità di rifiuti di apparecchiatura elettriche ed elettroniche raccolte anche tramite i centri di raccolta così come individuati dall'art.12 del D.Lgs 49/2014.

 

Modalità di compilazione della Comunicazione

Il Comune o Consorzio di Comuni o Comunità montana deve compilare la comunicazione rifiuti urbani esclusivamente via telematica, tramite il sito www.mudcomuni.it predisposto da Unioncamere. Il modello allegato al decreto non può essere utilizzato per trasmettere la comunicazione.

 

Novità del 2021

Il DPCM 23 dicembre 2020 modifica completamente la scheda CG – costi di gestione e il modulo MDCR nella quale andranno indicati i costi di cui al Piano Economico Finanziario secondo quanto previsto dalla Delibera ARERA del 31 ottobre 2019 443/2019/R/rif.

 

Modalità di trasmissione alla Camera di commercio

La trasmissione può avvenire con spedizione telematica o a mezzo PEC.

Inoltre Ecocerved mette a disposizione un Web Service in architettura SOAP per consentire l'inserimento all'interno della Procedura MUD Comuni, dei dati relativi alla raccolta e al conferimento di rifiuti urbani, assimilabili e raccolti in convenzione, che il dichiarante ha già inserito nei propri sistemi informativi nel corso della gestione alla quale la comunicazione MUD annuale fa riferimento.

 

Spedizione telematica

In caso di spedizione telematica la comunicazione deve essere trasmessa, a conclusione della compilazione, dal sito www.mudcomuni.it. A questo fine i dichiaranti debbono essere in possesso di un dispositivo contenente il certificato di firma digitale valido al momento dell'invio, intestato al legale rappresentante o ad un suo delegato.

 

Spedizione a mezzo PEC

I soggetti che non dispongono di firma digitale o non sono in grado di effettuare on-line il versamento del diritto di segreteria posso trasmettere la Comunicazione con la procedura di seguito descritta:

  1. Compilare la Comunicazione inserendo i dati nel portale www.mudcomuni.it;
  2. Stampare la Sezione anagrafica prodotta automaticamente dalla procedura sul www.mudcomuni.it, che dovrà essere firmata dal legale rappresentante del dichiarante o suo delegato;
  3. Firmare, con firma autografa del dichiarante, la comunicazione MUD in formato documento cartaceo;
  4. Trasformare il documento cartaceo in documento elettronico in formato PDF;
  5. Predisporre un file unico in formato PDF che dovrà contenere:
  • copia della Sezione anagrafica firmata in modo autografo dal dichiarante;
  • copia dell'attestato di versamento dei diritti di segreteria alla CCIAA competente (vedi indicazioni sottostanti);
  • copia del documento di identità del sottoscrittore (non necessaria se il file PDF è firmato digitalmente).
  1. Trasmettere via PEC all'indirizzo unico comunicazionemud@pec.it il file in formato PDF ottenuto.

Ogni mail trasmessa via PEC dovrà contenere una sola comunicazione MUD e dovrà riportare nell'oggetto esclusivamente il codice fiscale dell'ente dichiarante.

La comunicazione effettuata con modalità diverse da quelle sopra indicate si considera inesatta. Non è quindi ammessa la spedizione postale.

 

Diritti di Segreteria

I diritti di segreteria variano a seconda della modalità di presentazione della denuncia.

 

Denuncia telematica

I diritti di segreteria ammontano a € 10,00 per ciascuna dichiarazione inviata telematicamente, e devono essere pagati esclusivamente con carta di credito, Telemaco Pay, PagoPA o con l'Istituto di pagamento: InfoCamere (pagamenti.ecocerved.it).

 

Denuncia semplificata (invio a mezzo PEC)

Il diritto di segreteria per la dichiarazione inviata via PEC è di € 15,00 per ogni Unità Locale dichiarante.

Il diritto di segreteria deve esserepagato esclusivamente utilizzando il servizio "avviso di pagamento pagoPA" al quale si accede al termine della compilazione della comunicazione semplificata che permette la produzione di un avviso di pagamento pagoPA, che potrà essere pagato presso tutti gli sportelli fisici e virtuali accreditati nella piattaforma (ad esempio Tabaccherie, Ricevitorie, Sportelli Postali, Banche). Il dichiarante deve allegare alla PEC di invio della dichiarazione copia dell'attestato di pagamento.

 

Correzioni/rettifiche di una Comunicazione presentata

Non sono ammesse né integrazioni né rettifiche successive alla presentazione della Comunicazione. Tuttavia, è sempre consentito presentare una nuova Comunicazione, in sostituzione della precedente incompleta o parzialmente scorretta, purché la nuova Comunicazione venga trasmessa nei termini previsti e dietro nuovo versamento dei diritti di segreteria.

 

Sanzioni

Il D. Lgs 152/2006 prevede sanzioni pecuniarie per i seguenti casi:

  • mancata effettuazione delle Comunicazioni prescritte
  • Comunicazione incompleta o inesatta
  • Comunicazione tardiva.

L’art. 258 comma 1 del decreto legislativo n. 152 del 2006, prevede che: “1. I soggetti di cui all'articolo 189, comma 3, che non effettuino la comunicazione ivi prescritta ovvero la effettuino in modo incompleto o inesatto sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da duemila euro a diecimila euro; se la comunicazione è effettuata entro il sessantesimo giorno dalla scadenza del termine stabilito ai sensi della legge 25 gennaio 1994, n. 70, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da ventisei euro a centosessanta euro.

 

Assistenza per la compilazione

Servizio di assistenza telefonica:

  • 02/22177090 (dal 15 aprile) per quesiti normativi
  • 049/2030130 per quesiti su firma digitale

È possibile trovare informazioni sulle modalità di compilazione, sui soggetti obbligati e risposte ai quesiti più frequenti sul sito https://www.ecocamere.it/adempimenti/mud.

Quesiti possono essere inviati, in base all’argomento, ai seguenti riferimenti:

 





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]