Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 18 luglio 2019
Torna alla versione grafica - home

Turismo



Asti, 18 luglio 2019
Ultimo aggiornamento: 10.06.2005



Analisi economica provinciale



TURISMO

Contenuto pagina

Arrivi e presenze - consistenza strutture ricettive anno 2004

Si sta sempre più ampliando e consolidando la struttura ricettiva della provincia di Asti. Nel 2004 si rileva infatti l´avvio di un esercizio alberghiero e di 19 altre strutture (agriturismi e bed & breakfast), nuovi insediamenti che hanno portato la consistenza ricettiva a 55 alberghi ed a 236 altre strutture ricettive per un totale di 789 posti letto. Nel corso dell´anno la ricettività è pertanto aumentata del 27,8% con riferimento al numero degli esercizi e del 20,4% se invece si considerano i posti letto.
Gli ospiti complessivamente registrati sono stati 83.335, vale a dire il 6,7% in più del 2003. Sono stati soprattutto gli arrivi di ospiti italiani, che rappresentano il 58% del totale, a determinare il trend di crescita (+12%), mentre i 35.193 ospiti stranieri, il 42,% del totale arrivi, mettono in evidenza, rispetto al 2003, una situazione di stazionarietà. Le presenze, con un valore di 192.522 denunciano invece una situazione di lieve calo, conseguenza della diminuzione delle presenze straniere del 5,6%, non interamente compensata dall´aumento delle presenze italiane (+4,8%).
Dall´analisi dei dati per tipo di struttura si osserva come il 66% degli arrivi sia da attribuire agli alberghi, i cui ospiti soggiornano in prevalenza per motivi di lavoro. I 32.866 ospiti italiani hanno rappresentato il 60% del totale arrivi alberghieri ed hanno manifestato un trend di rilevante crescita (+9,4%). Denunciano invece una dinamica inversa gli ospiti stranieri, con un saldo negativo di 1.879 unità, il 7,8% in meno dello scorso anno. Dal lato presenze gli esercizi alberghieri accusano una flessione del 13,5%: le presenze italiane sono diminuite del 4,6%, quelle straniere del 22,7%.
Anche nelle altre strutture ricettive prevalgono gli ospiti italiani con un rapporto del 54% del totale arrivi e con un tasso di crescita su base annua del 18,2%. La dinamica delle presenze è altrettanto soddisfacente: con un totale di 85.954 soggiorni il settore ha fatto registrare una variazione positiva del 22,5% rispetto al 2003, con una preponderanza di presenze straniere su quelle italiane per quasi 5.000 unità.
Il tempo medio di permanenza pari a 2,3 giorni, è lievemente diminuito rispetto allo scorso anno, probabilmente a causa di un minore potere d´acquisto dei consumatori. A livello di struttura si osserva però come il tempo medio di permanenza salga a 3,5 giorni per gli ospiti stranieri in agriturismi e bed & breakfast e si limiti a 1,8 giorni per gli ospiti italiani negli alberghi.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]