Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 23 settembre 2020
Torna alla versione grafica - home

Popolazione



Asti, 23 settembre 2020
Ultimo aggiornamento: 22.08.2005



Analisi economica provinciale



POPOLAZIONE

Contenuto pagina

Movimento popolazione residente in provincia di Asti durante l´anno 2004

In provincia di Asti, al 31 dicembre 2004, risultano 213.369 residenti, in maggioranza di sesso femminile: si rilevano infatti 109.663 femmine, il 51,4%, a fronte di 103.706 maschi che rappresentano il 48,6%. Rispetto al 1° gennaio 2004 la popolazione è aumentata per 1.150 unità, pari a +0,44%, valore che mette in evidenza un rallentamento del trend di aumento rilevato negli anni precedenti e che pone Asti al di sotto dell´aumento medio piemontese, pari all´1,4%.
Il saldo attivo della popolazione è derivato dalla differenza tra il saldo negativo del movimento naturale ammontante a -844 e la variazione positiva di 1.994 unità del movimento migratorio.
La popolazione residente è aumentata in 83 comuni della provincia; i comuni in controtendenza sono pertanto solo 35. Gli aumenti percentuali di popolazione più elevati si riscontrano a Soglio (+9,3%), Frinco (+7,3%), Viale (+5,9%), Castellero (+4,2%), Montafia (+3,5%), Cerreto d´Asti (+3,3%), Cassinasco (+3,2%), mentre si sono registrate sensibili flessioni di popolazione a Pino d´Asti (-5,9%), Loazzolo (5,8%), Vaglio Serra (5,5%), Roccaverano (4,6%).
In valori assoluti nel corso del 2004 si è registrato il più alto numero dei nati ed i più basso numero dei morti degli ultimi dodici anni.
Le nascite sono state 1.780, 81 nati in più dell´anno precedente, consistenza che ha fatto rimanere inalterato, rispetto al 2003, il tasso di natalità all´8,4‰. Il numero di nascite per 1000 abitanti resta in ogni caso inferiore di 0,3 punti rispetto al dato medio regionale e di 1,3 punti con riferimento al dato nazionale.
I decessi dell´anno in esame sono ammontati a 2.624, con una diminuzione rispetto all´anno precedente di 370 unità, pari a -12,4%, da attribuire, almeno in parte, alla supermortalità dei mesi estivi che ha caratterizzato l´anno precedente. Il tasso di mortalità scende in conseguenza al 12,3‰ dal 14,1‰, pur mantenendosi più elevato sia della media regionale (10,7‰) sia della media nazionale (9,4‰).
Per l´effetto congiunto dell´incremento delle nascite e della diminuzione dei decessi si riscontra, per la provincia di Asti, un tasso di crescita della popolazione di -4‰, migliore di quello registrato nel 2003 per ben due punti percentuali, deludente dal confronto con la regione (-2‰) ed ancor più con la nazione (+0,4‰).
L´incremento demografico è ancora garantito dal movimento migratorio, caratterizzato da 8.540 iscrizioni e da 6.546 cancellazioni, con un saldo attivo di 1.994, ridimensionato rispetto alla dinamica dell´anno 2003, anno in cui erano stati registrati 10.749 arrivi. Gli iscritti dall´estero hanno rappresentato il 17,7% del totale delle iscrizioni contro il rapporto analogo a livello regionale del 15,9%.

Movimento naturake e migratorio anno 2004 - Comune di Asti

Nel comune capoluogo, 73.434 abitanti, si concentra il 34,4% della popolazione astigiana con un movimento che rispecchia abbastanza fedelmente il trend della dinamica provinciale: nascite in aumento (+5,7%), decessi in calo (-12,4%), iscrizioni in sensibile flessione (-40,7%); solo per le cancellazioni la situazione comunale, di segno negativo per il 5,3%, diverge da quella provinciale (+3,5%). Rispetto allo scorso anno si riduce a -150 unità il peso negativo del movimento naturale e si limita a +464 unità il vantaggio derivato dal movimento migratorio. Dalla differenza si determina un saldo della popolazione attivo per 314 unità, pari ad un aumento percentuale annuo dello 0,43%.

Dati comunali

Esaminando i dati comunali si osserva quanto segue:

  • il saldo attivo migratorio ha consentito al Comune di Nizza Monferrato di superare la soglia dei 10.000 abitanti,
  • Villanova d´Asti fa registrare il miglior saldo naturale della provincia (+ 36) e, con l´aiuto del movimento migratorio, supera la quota dei 5.000 abitanti, confermando una tendenza all´aumento che perdura da quindici anni,
  • Nel Comune di San Damiano d´Asti, in controtendenza con il trend provinciale, i lieti eventi sono stati in maggior numero rispetto ai funerali (+10) e le iscrizioni hanno superato le cancellazioni, facendo raggiungere al Comune, con 8.024 residenti, un nuovo record demografico.

Permessi di soggiorno

Cittadini stranieri residenti al 1° gennaio. Anni 1999 - 2004

Sicuramente l´immigrazione extracomunitaria ha assunto un importante ruolo nella dinamica della popolazione astigiana: sui 213.369 residenti in provincia di Asti al 31 dicembre 2004, i cittadini stranieri ammontano a 10.710, il 5,1%, percentuale superiore a quella rilevata in ambito regionale (4,1%). A partire dal 1999 la presenza straniera dell´astigiano è aumentata del 160% a fronte di un aumento regionale del 120%.
Nel comune di Asti risiede il 36,8% dei cittadini stranieri, rispetto a cinque anni fa gli stranieri sono aumentati del 146%.
La caratteristica di particolare attrattività della provincia di Asti emerge anche dalla statistica dei permessi di soggiorno: dall´ultimo dato disponibile di fonte Istat (anno 2003) si rileva una presenza di 6.762 persone, di cui uomini per il 54%, presenza che ha cominciato ad assumere consistenza a partire dal 1997 e che espone un trend di costante crescita.




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]