Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 21 ottobre 2020
Torna alla versione grafica - home

Agricoltura



Asti, 21 ottobre 2020
Ultimo aggiornamento: 19.10.2005



Analisi economica provinciale



AGRICOLTURA

Contenuto pagina

Al 30 giugno 2005 le imprese agricole della provincia di Asti sono 9.459 e fanno registrare su base annua, un tasso di diminuzione dell´1,8%, inferiore a quello degli anni precedenti. Sotto l´aspetto produttivo si rileva che la quantità di cereali è nella norma; il frumento ha però subito un forte deprezzamento a causa dell´infestazione da cimici. La produzione di foraggio è inferiore alla norma, ciononostante la quotazione accusa una sensibile flessione. La vite presenta un apprezzabile stato vegetativo: si è mantenuta sana, ha richiesto trattamenti limitati e lascia presagire un´ottima vendemmia. Sotto l´aspetto commerciale si rilevano giacenze leggermente superiori alla norma ed un andamento delle quotazioni non soddisfacente. In campo zootecnico la consistenza è stazionaria per gli bovini. Si registra un lieve calo della domanda e, per quanto riguarda la carne bovina di razza piemontese, una diminuzione delle quotazioni di circa il 10%. E´ sensibilmente diminuita la consistenza dell´allevamento ovino, mentre si incrementa l´allevamento di capre. Si mantiene rilevante l´allevamento di suini, pur facendo rilevare una lieve flessione del numero di capi ed una diminuzione delle quotazioni.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]