Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 22 settembre 2019
Torna alla versione grafica - home

Cassa Integrazione Guadagni



Asti, 22 settembre 2019
Ultimo aggiornamento: 19.10.2005



Analisi economica provinciale



CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

Contenuto pagina

Interventi ordinari e straordinari - Numero di ore autorizzate nel primo semestre dell´anno 2005

I dati di fonte Inps sulla Cassa Integrazione Guadagni confermano anche per il 1° semestre 2005 il protrarsi di una situazione congiunturale poco favorevole per la provincia di Asti.
Sono infatti state autorizzate 317.953 ore di cassa integrazione ordinaria e 323.884 di cassa integrazione straordinaria.
Rispetto all´analogo periodo dell´anno precedente sono triplicati gli interventi straordinari, vale a dire le misure a cui ricorrono le imprese che si trovano ad affrontare processi di riorganizzazione, ristrutturazione o riconversione a seguito di crisi aziendali.
Il 98% degli interventi di CIG straordinari sono rivolti alle industrie meccaniche, mentre il restante 2% è riferito all´industria alimentare e ai servizi. Rispetto all´anno precedente non si sono registrati interventi straordinari destinati all´industria edilizia e al commercio. I dati confermano in maniera evidente il perdurare della situazione di crisi che da tempo sta interessando il settore metalmeccanico con il conseguente ridimensionamento di molte unità produttive.
La cassa integrazione ordinaria, che consente alle imprese di far fronte a temporanee crisi di mercato, risulta invece lievemente diminuita rispetto al 30 giugno 2004 (-8%). I settori maggiormente interessati sono le attività meccaniche e metallurgiche, le industrie chimiche, quelle di trasformazione, l´industria del legno, la gestione edilizia, anche se in misura minore rispetto all´anno precedente.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]