Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 20 ottobre 2019
Torna alla versione grafica - home

Turismo



Asti, 20 ottobre 2019
Ultimo aggiornamento: 19.10.2005



Analisi economica provinciale



TURISMO

Contenuto pagina

Arrivi - presenze strutture ricettive 1 semestre 2005

I dati relativi al flusso turistico in provincia di Asti con riferimento al 1° semestre 2005 fanno registrare 35.997 arrivi e 80.418 presenze. Rispetto all´analogo periodo dell´anno precedente si riscontra un calo dello 0,5% per gli arrivi e dell´1,5% per le presenze. Il tempo medio di permanenza è infatti passato da 2,3 giorni nei primi sei mesi del 2004 a 2,2 giorni nel primo semestre 2005: si sono ridotti, se pur lievemente, i periodi di soggiorno sia da parte degli italiani che degli stranieri nelle strutture extralberghiere (agriturismi, bed & breakfast, campeggi, ecc.).
Le strutture alberghiere rappresentano il 60,6% delle presenze e hanno fatto registrare, rispetto all´analogo periodo dell´anno precedente, un trend in crescita che risulta più consistente per le presenze (+2,1%) e meno rilevante per gli arrivi (+0,4%). Le presenze straniere, con una crescita dell´8,7%, hanno compensato il calo degli italiani.
Le strutture extralberghiere, in controtendenza con i dati degli ultimi anni, hanno invece registrato una flessione degli arrivi del 2,4% e delle presenze del 6,5% da imputare soprattutto alla diminuzione della clientela italiana. Occorre però tenere presente che si tratta di dati ancora provvisori che potrebbero ancora subire modifiche e integrazioni.
La situazione turistica rilevata a livello provinciale risente probabilmente della situazione di stallo economico che sta caratterizzando il nostro Paese e più in generale tutti i Paesi industrializzati le cui conseguenze determinano una minore capacità di spesa dei consumatori e un ridimensionamento delle spese destinate allo svago e al tempo libero.
La diminuzione del tempo medio di permanenza rende necessaria una maggiore diversificazione dell´offerta turistica al fine di poter fornire spunti e motivazioni che spingano il turista a scegliere il nostro territorio e a trascorrervi soggiorni sempre più lunghi.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]