Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 20 settembre 2019
Torna alla versione grafica - home

Mercato del lavoro



Asti, 20 settembre 2019
Ultimo aggiornamento: 22.12.2005



Analisi economica provinciale



MERCATO DEL LAVORO

Contenuto pagina

Dinamica avviamenti-cessazioni per settore di provenienza

Nel terzo trimestre 2005 il Centro per l'Impiego della Provincia di Asti ha registrato 4.432 avviamenti di cui 2.445 riferiti a uomini e 1.987 a donne. Gli avviamenti maschili rappresentano il 55% del totale e confermano la maggiore propensione delle imprese ad assumere personale maschile. I settori di attivitÓ in cui si concentra il pi¨ alto numero di avviamenti di manodopera maschile sono l'industria (77%) e l'agricoltura (68%). Nell'ambito del terziario e della Pubblica Amministrazione le assunzioni femminili rappresentano invece rispettivamente il 58% e l'84%.
Sotto l'aspetto quantitativo il terziario assorbe il 56% degli avviamenti, seguono l'industria con il 27%, l'agricoltura (16%) e la Pubblica Amministrazione (1%). Dei 4.432 avviamenti al lavoro, 3.503, pari al 79% del totale, sono a tempo determinato, per brevi periodi che non comportano la cancellazione dalle liste di collocamento. Con riferimento al settore di attivitÓ le assunzioni a tempo determinato si concentrano principalmente nell'agricoltura (98%), seguono il terziario con l'83% e l'industria con il 58%. Nella Pubblica Amministrazione, che negli ultimi anni Ŕ soggetta al blocco delle assunzioni, tutti i contratti sono a termine e si riferiscono con tutta probabilitÓ a sostituzioni.
Il consistente numero di avviamenti senza cancellazione Ŕ confermato anche dai dati relativi alle le modalitÓ di avviamento che per l'81,9% riguardano contratti a tempo determinato, per il 16,1% contratti part-time e soltanto per il 2% altre tipologie contrattuali.
Nel trimestre in oggetto sono state rilevate 5.650 cessazioni di rapporto di lavoro di cui 3.562 nell'ambito del terziario, 1.719 per l'industria, 340 in agricoltura e 29 nella pubblica amministrazione.

ModalitÓ di avviamento e motivi di cancellazione dalle liste di collocamentoá



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]