Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 16 settembre 2019
Torna alla versione grafica - home

Popolazione



Asti, 16 settembre 2019
Ultimo aggiornamento: 16.10.2006



Analisi economica provinciale



POPOLAZIONE

Contenuto pagina

Movimento della popolazione residente in provincia di Asti durante l'anno 2005

La popolazione della provincia di Asti al 31.12.2005 ammonta a 214.205 unità e registra un saldo positivo, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, di 836 unità, pari ad un incremento dello 0,4%. Le donne sono sempre in maggioranza con una presenza di 110.139 unità, il 51,4% del totale. Gli uomini, con 104.066 residenti, costituiscono il 48,6%.

Dettaglio popolazione residente al 31 dicembre 2005

Scendendo più nel dettaglio si osserva che la popolazione residente in famiglia, nella provincia, risulta pari a 211.949 unità, mentre quella residente in convivenza è di 2.256 unità; il numero delle famiglie intese come "un insieme di persone legate vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune" è 92.583, di cui 31.146 residenti nel comune capoluogo; il numero delle convivenze anagrafiche intese come "un insieme di persone normalmente coabitanti per motivi religiosi, di cura, di assistenza, militari, di pena, e simili, aventi dimora abituale nello stesso comune" risulta pari a 148, di cui 35 nel comune di Asti. Numero medio di componenti per famiglia, dato dal rapporto tra la popolazione residente in famiglia ed il numero delle famiglie anagrafiche è 2,3 sia nel comune di Asti, sia in provincia. Sui 118 comuni che fanno parte della provincia di Asti la popolazione residente è aumentata in 64 comuni, è rimasta invariata in 5 comuni ed è diminuita in 49 comuni. Gli aumenti percentuali di popolazione più elevati si riscontrano a Viale (+7,1%), Moncucco Torinese (+4,2%), Tonengo (+4,1%), Cortanze (+3,8%) e Cellarengo (+3,7%), mentre si sono registrate sensibili flessioni di popolazione a Mombaldone (-5,8%), Vaglio Serra (-5,5%) e Castelletto Molina (-5,4%).
Per quanto riguarda i maggiori comuni della provincia, escluso il capoluogo, si osserva quanto segue:
Canelli si conferma il comune con il maggior numero di abitanti (10.311), ), con 4.527 famiglie residenti e una popolazione in lieve crescita nonostante il saldo naturale negativo (-30); San Damiano d'Asti, in controtendenza con il trend provinciale, fa registrare il miglior saldo naturale della provincia +5 e il maggior incremento della popolazione in valore assoluto (+105); Nizza Monferrato evidenzia il saldo migratorio più elevato, +146, che garantisce un continuo incremento demografico. 

Movimento naturale e migratorio Anno 2005 - Provincia di Asti

Per quanto riguarda i dati di flusso relativi all'anno 2005, a livello provinciale, sono state registrate 1.826 nascite, 46 in più rispetto al 2004. I decessi sono invece aumentati: 2.908 contro 2.624. Il saldo del movimento naturale permane pesantemente negativo con una perdita di popolazione di 1.082 unità, di maggiore entità rispetto all'anno precedente (-844).
Il tasso di natalità pari a 8,5 nati per mille abitanti è inferiore sia alla media regionale (8,6‰) che a quella nazionale (9,4‰). Il tasso di mortalità è invece è passato dal 12,3‰ dello scorso anno al 13,6‰; la mortalità risulta in questo caso sia superiore al valore rilevato a livello regionale (11,2‰) sia rispetto alla media nazionale (9,7‰). Il tasso di crescita della popolazione, dato dalla differenza tra il tasso di natalità e quello di mortalità rimane pertanto negativo (-5,1‰).
L'incremento demografico della popolazione rispetto al 2004 è quindi da attribuire esclusivamente all'andamento positivo del saldo del movimento migratorio (iscritti e cancellati dalle anagrafi comunali per trasferimenti di residenza).
Una dinamica caratterizzata da 8.461 iscrizioni e 6.543 cancellazioni ha determinato un saldo positivo di 1.918 unità. Rispetto all'anno immediatamente precedente sono tuttavia diminuite sia le iscrizioni (-79) che le cancellazioni (-3). 

Movimento naturale e migratorio Anno 2005 - Comune di Asti

Il Comune di Asti, con 73.734 abitanti fa registrare, rispetto al 2004, un saldo attivo della popolazione di 300 unità, con un incremento pari a quello provinciale (0,4%). Il rapporto degli uomini sul totale residenti è del 47,8%, mentre quello delle donne è del 52,2%.
Nel 2005, 618 nascite, 27 in più rispetto all'anno precedente, hanno portato il tasso di natalità all'8,4‰, mentre 916 decessi, 175 in più rispetto al 2004, hanno determinato un tasso di mortalità pari al 12,5‰. Dall'analisi dei dati di flusso risulta pertanto che il movimento naturale del capoluogo, negativo per 298 unità, è stato recuperato dall'eccedenza del movimento migratorio ammontante a 598 unità. Gli iscritti, per effetto del movimento migratorio, nel corso del 2005, sono risultati 2.300 a fronte di 1.702 cancellazioni. 

Permessi di soggiorno per sesso nella provincia di Asti al 1 gennaio: anni 1992 - 2005

La popolazione straniera va assumendo una rilevanza sempre maggiore nel quadro demografico locale: cresce quindi l'esigenza di disporre di informazioni più dettagliate sul fenomeno per una sua migliore interpretazione.
A tale fine l'Istat elabora, già da alcuni anni, i dati relativi alle due principali fonti informative relative agli stranieri regolarmente presenti, ovvero i permessi di soggiorno rilasciati dalle Questure e i cittadini stranieri iscritti in anagrafe.
Al 1° gennaio 2005, ultimo dato disponibile peraltro ancora provvisorio, i cittadini stranieri muniti di permesso di soggiorno in provincia di Asti sono risultati 9.992. Al 1° gennaio 2004, ultimo dato ufficiale, risultavano 9.763 permessi di soggiorno di cui 3.257 relativi a maschi e 4.506 rilasciati a donne, con un aumento di 3.001 unità rispetto all'anno precedente.
Osservando la serie storica si può rilevare che nel corso degli ultimi anni tale numero è risultato in costante crescita, con alcuni picchi in corrispondenza dei provvedimenti di sanatoria o regolarizzazione che hanno consentito l'emersione dalla clandestinità.
Con l'indagine Istat condotta presso gli uffici anagrafe, invece, si raccolgono per singolo comune i dati annuali sul movimento naturale e migratorio e la consistenza della popolazione straniera residente. 

Cittadini stranieri iscritti in anagrafe - Dettaglio popolazione straniera residente al 1 gennaio 2005

I dati riportati nelle precedenti tabelle ci consentono di fare alcune considerazioni. La prima è che nel corso di questi anni l'ammontare della popolazione straniera che ha scelto la provincia di Asti come contesto di residenza e quindi ha iniziato un processo di radicamento sul territorio, cresce oggi con un trend che non conosce interruzioni o rallentamenti. In secondo luogo la distribuzione dei cittadini stranieri residenti nei comuni della provincia di Asti evidenzia una presenza consistente, pari al 36%, nel comune capoluogo ed un'incidenza percentuale sulla popolazione totale residente pari al 5,9%. La graduatoria dei dieci comuni della provincia con maggior numero di stranieri continua con Nizza Monferrato (769), Canelli (752), San Damiano d'Asti (713), Costigliole d'Asti (336), Villanova d'Asti (303), Castagnole delle Lanze (286), Moncalvo (169), Incisa Scapaccino (159) e Montechiaro d'Asti (147).





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualità dei contenuti di questa pagina


Non � presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]