Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 3 dicembre 2020
Torna alla versione grafica - home

Turismo



Asti, 3 dicembre 2020
Ultimo aggiornamento: 07.06.2007



Analisi economica provinciale



TURISMO

Contenuto pagina

Arrivi - presenze strutture ricettive anno 2006
Consistenza strutture ricettive

Nel 2006 la provincia di Asti ha registrato un soddisfacente incremento dei flussi turistici. L'effetto Olimpiadi si Ŕ fatto sentire non soltanto nelle regioni montane e nell'area metropolitana di Torino, ma ha avuto una buona ricaduta su tutto il territorio Piemontese.
I dati dell'Osservatorio Regionale sul Turismo evidenziano per la provincia di Asti un totale di 94.769 arrivi e 231.365 presenze, corrispondenti rispettivamente al 12,8 e al 22% in pi¨ rispetto all'anno precedente che invece era trascorso all'insegna della stazionarietÓ.
Gli italiani rappresentano il 54,6% degli arrivi e fanno registrare un incremento rispetto al 2005 dell'8,5%. Gli stranieri che hanno scelto come meta l'Astigiano sono cresciuti di oltre il 18% e ancora pi¨ significativo Ŕ stato l'aumento in termini di presenze (+24,5%), pari a 115.498 giorni di permanenza, quasi il 50% del totale.
Le strutture alberghiere assorbono il 66% degli arrivi; di questi il 43% si riferisce a stranieri. Le altre strutture ricettive (agriturismi, bed and breakfast, campeggi, ecc.) accolgono il restante 44% degli arrivi. Gli stranieri privilegiano le strutture alternative all'albergo. Nelle strutture extralberghiere cresce anche il tempo di permanenza, in particolare per gli stranieri il cui soggiorno medio Ŕ di 3,4 giorni, a fronte di 2,3 giorni negli alberghi.
I pi¨ importanti mercati esteri sono la Germania e la Svizzera che insieme rappresentano oltre il 40% delle presenze straniere in provincia di Asti, seguono la Francia (8,2%), gli Stati Uniti (6,5%), i Paesi Bassi (5,8%), il Regno Unito (4,4%).
L'offerta ricettiva consta di 373 strutture per un totale di 5.622 posti letto. Nel 2006 sono nati 4 nuovi alberghi per un totale di 59 unitÓ e 2.041 posti letto. Le altre strutture ricettive ammontano a 314 e, con 45 nuovi esercizi, fanno registrare un incremento del 16% rispetto all'anno precedente. In termini di posti letto le strutture extralberghiere rappresentano oltre il 63% del totale. Nell'ultimo decennio agriturismi e bed & breakfast sono pi¨ che quadruplicati diventando un segmento sempre pi¨ importante dell'offerta turistica provinciale.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]