Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 17 ottobre 2019
Torna alla versione grafica - home

Reddito



Asti, 17 ottobre 2019
Ultimo aggiornamento: 01.07.2008



Analisi economica provinciale



REDDITO

Contenuto pagina

Valore aggiunto ai prezzi correnti per settore di attività economica (anno 2006)

L'Istituto Tagliacarne ha pubblicato dati sul reddito per l'anno 2006 ed ha calcolato una proiezione del reddito prodotto per l'anno 2007.
Il valore aggiunto a prezzi correnti nel 2006 è ammontato a 4.420 milioni di euro, valore che colloca la provincia di Asti al 5° posto tra le province piemontesi, precedendo Biella, Vercelli ed il Verbano. Il 68,3% del valore aggiunto astigiano è prodotto dal settore terziario; è una quota rilevante che si giustifica anche in una prevalenza di piccole imprese che necessariamente devono delegare all'esterno adempimenti e servizi. Il peso del settore industriale sul totale del valore aggiunto è pari al 28,4%, rappresentato dal 22,3% di competenza dell'industria in senso stretto e dal 6,1% riferito alle costruzioni. Il valore aggiunto dell'agricoltura costituisce il 3,3% del totale; in termini di numero di imprese e di occupati, il peso del settore è rilevante, il moderato valore aggiunto evidenzia pertanto la bassa redditività delle produzioni agricole. 

La piccola dimensione aziendale e la forte vocazione agricola dell'economia locale incidono inevitabilmente sulla formazione del Prodotto Interno Lordo pro-capite, stimato per l'anno 2007, in 22.953,17 euro, pari ad un indice di 88,8, sensibilmente inferiore all'indice nazionale uguale a 100. Tale valore colloca Asti al 61° posto tra le 103 province italiane ed accusa una perdita di due posizioni rispetto al 2006. Le ultime stime del reddito pro-capite evidenziano infatti una flessione annua dello 0,9%.
La situazione appare più rosea dall'analisi della situazione patrimonio delle famiglie, dalla quale risulta, per le famiglie astigiane, con riferimento al 2006, un patrimonio di 37.685 milioni di euro, per il 54,8% riferita ad abitazione e terreni e per il 45,2% da attribuirsi ad attività finanziarie (depositi, valori mobiliari, riserve). Il valore del patrimonio per famiglia è ammontato a 402.144,92 milioni ed ha collocato la provincia di Asti al 36° posto tra le 103 province italiane con un numero indice di 110,9, decisamente superiore al valore medio nazionale pari a 100. Nella graduatoria regionale Asti è al 3° posto, preceduta da Cuneo e Vercelli.

Prodotto interno lordo pro capite a prezzi correnti negli anni 2006 e 2007 e variazioni rispetto al 2004



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualità dei contenuti di questa pagina


Non � presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]