Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 3 dicembre 2020
Torna alla versione grafica - home

Commercio Estero



Asti, 3 dicembre 2020
Ultimo aggiornamento: 15.01.2009



Analisi economica provinciale



COMMERCIO ESTERO

Contenuto pagina

Import - Export 1░ Semestre 2008

Nel periodo gennaio-giugno 2008 il valore delle esportazioni astigiane ha superato i 700 milioni di euro, facendo registrare un incremento del 13,3% rispetto all'analogo semestre dell'anno precedente.
Per il terzo anno consecutivo l'export cresce a due cifre ed a tassi sensibilmente superiori rispetto ai contesti regionali e nazionali, considerato che in Piemonte l'incremento Ŕ stato dell'8,1% ed in Italia del 5,9%.
Il settore meccanico ha contribuito maggiormente al buon andamento dell'export astigiano, in primo luogo con le vendite di "macchinari ed apparecchi meccanici", ambito che nel primo semestre dell'anno ha giÓ superato i 180 milioni di fatturato estero, evidenziando un aumento del 15,2%.
L'indotto auto, con un importo di 136 milioni di euro, manifesta una crescita rilevante, pari al 65% in pi¨ del fatturato relativo al 1░ semestre 2007.
Il trend Ŕ anche positivo per le esportazioni di prodotti in metallo, i cui 117 milioni di euro rappresentano quasi il 10% in pi¨ del fatturato estero rilevato nello stesso periodo dell'anno precedente.
E' inoltre confortante la ripresa dell'industria elettromeccanica che fa registrare vendite all'estero per 53 milioni di euro, pari ad una crescita del 12,4%.
Le esportazioni di prodotti alimentari sono ammontate, nel 1░ semestre 2008, a 127 milioni di euro ed hanno fatto rilevare un incremento del 3,4%. In questo ambito sono comprese le esportazioni di vini e distillati il cui fatturato estero Ŕ ammontato a 84 milioni di euro.
L'Europa si conferma essere il grande mercato di riferimento del made in Asti con acquisti pari all'84% dell'export totale. In Europa le vendite sono aumentate del 10,7% mentre, considerando l'aggregato dell'Unione Europea a 27 paesi, si osserva una crescita del 14%.
I migliori clienti sono i francesi, con una quota che rappresenta il 20% dell'export astigiano. Nel 1░ semestre 2008 le vendite in Francia sono aumentate dell'8,3%.
I dati confermano una importante ripresa del mercato tedesco: con 124 milioni di euro il fatturato in Germania Ŕ aumentato del 21% rispetto al 1░ semestre 2007.
In area extraeuropea l'attenzione degli operatori Ŕ rivolta in particolare al mercato asiatico, dove si rileva, con un export di 57,6 milioni di euro, un incremento del 67,3%, aumento da imputarsi ad una crescita esponenziale delle vendite in India (+591%).
Anche il mercato americano si prospetta in crescita: nel 1░ semestre dell'anno le vendite sono aumentate del 12% nel Nord America e del 22% nell'America centro meridionale.
Si ridimensionano invece le vendite nei paesi dell'Africa: nel 1░ semestre 2008 sono assommate a 20,6 milioni di euro ed hanno evidenziato una diminuzione dell'8%.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]