Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 22 ottobre 2020
Torna alla versione grafica - home

Casi particolari



Asti, 22 ottobre 2020
Ultimo aggiornamento: 21.06.2019



Estero



CASI PARTICOLARI

Contenuto pagina

CERTIFICATO DI ORIGINE A POSTERIORI

 

Il certificato di origine è di norma rilasciato quando le merci alle quali si riferisce sono in corso di spedizione.

Nel caso di spedizione avvenuta da oltre un mese, è consentito il rilascio del certificato di origine a posteriori.

L’impresa deve allegare alla domanda telematica richiesta di certificato a posteriori motivata, eventualmente accompagnata dalla richiesta dell'importatore/acquirente straniero, e allegare i documenti attestanti l’avvenuta spedizione.

Nella richiesta il legale rappresentante/procuratore dovrà inoltre dichiarare, ai sensi dell’art. 47 del D.P.R. 445/2000, di non aver precedentemente richiesto altro certificato di origine per la spedizione interessata.

Il certificato di origine viene emesso con la menzione “rilasciato a posteriori” inserita nella casella 8) del certificato.

 

CERTIFICATO DI ORIGINE PROFORMA

 

Quando, in caso di esportazione temporanea, per concludere una transazione commerciale o per partecipare ad una fiera internazionale, le Autorità del Paese interessato esigono la presentazione di un certificato di origine, la Camera di commercio può provvedere al rilascio di un certificato “pro forma” dietro presentazione di una fattura “pro forma”, di una lista valorizzata delle merci o di una “shipping invoice”.

 

SOSTITUZIONE DEL CERTIFICATO DI ORIGINE

 

In caso di smarrimento del certificato di origine può essere richiesto un duplicato, a condizione che il richiedente fornisca copia della denuncia di smarrimento presentata alle Autorità di pubblica sicurezza competenti. Nella richiesta di duplicato, il richiedente deve altresì dichiarare che si impegna a sopportare le conseguenze che potrebbero derivare dall’utilizzo, da parte di terzi, del certificato smarrito.

La Camera emetterà o un nuovo certificato che riporterà la dicitura “duplicato” e il numero del certificato di origine emesso in precedenza.

Il duplicato deve essere richiesto entro il termine massimo di 6 mesi dal rilascio del certificato smarrito.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

ESTERO

Riferimento Ufficio: INFORMAZIONE E  SVILUPPO ECONOMICO
Indirizzo Piazza Medici 8 - 14100 Asti
Telefono 0141.535257-75
Fax 0141.535200
E-mail studi@at.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý : 8.30 - 12.30

[ inizio pagina ]