Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 23 settembre 2019
Torna alla versione grafica - home

Legge 30 ottobre 2013, n. 125 - Semplificazione e razionalizzazione del SISTRI



Asti, 23 settembre 2019
Ultimo aggiornamento: 20.02.2014



Ambiente



LEGGE 30 OTTOBRE 2013, N. 125 - SEMPLIFICAZIONE E RAZIONALIZZAZIONE DEL SISTRI

Contenuto pagina

 

Convertito in legge il Decreto 101 che stabilisce l'avvio del SISTRI

 

Il 31 ottobre 2013 è entrata in vigore la legge 30 ottobre 2013, n. 125, di conversione del decreto-legge 101/2013 ("Disposizioni urgenti per il perseguimento di obiettivi di razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni"), che all'articolo 11 stabilisce il nuovo campo di applicazione obbligatorio del Sistri, definisce la tempistica per la partenza operativa del sistema e rimanda l'applicazione delle sanzioni, nonché la cessazione dell’obbligo di registri e formulari per gli utenti SISTRI all'estate del 2014.

 

Il Dl 101/2013 esclude dall’obbligo di applicazione del SISTRI (ma rimane sempre la facoltà di aderire) i rifiuti speciali non pericolosi.

 

Vengono fornite però alcune specifiche:

  1. l’obbligo di iscrizione vige per enti ed imprese che producono rifiuti "speciali pericolosi": sono quindi esclusi i privati;
  2. per quanto riguarda i nuovi produttori viene precisato che sono obbligati quelli che "trattano o producono rifiuti pericolosi";
  3. per quanto riguarda enti e imprese che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, viene precisato che l'obbligo vale sia per i rifiuti speciali, sia per i rifiuti urbani. Per i rifiuti urbani l’obbligo parte dal 30 giugno 2014, in via sperimentale;
  4. per i soggetti che svolgono attività di raccolta e trasporto a titolo professionale, l’obbligo vige per i rifiuti pericolosi, mentre per i rifiuti urbani è prevista una fase sperimentale dal 30 giugno 2014. Sono però tenuti ad aderire a SISTRI i "vettori esteri" che "effettuano trasporti di rifiuti all'interno del territorio nazionale o trasporti transfrontalieri in partenza dal territorio".

 

Si conferma quindi la gradualità nell’avvio del SISTRI, con l’esclusione dei rifiuti non pericolosi e diverse tempistiche per l’avvio. Il SISTRI è operativo con le seguenti tempistiche:

  • dal 1° ottobre 2013 per gli enti o le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale, o che effettuano operazioni di trattamento, recupero, smaltimento, commercio e intermediazione di rifiuti pericolosi, inclusi i nuovi produttori;
  • dal 3 marzo 2014 per enti e imprese produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi e i Comuni e le imprese di trasporto dei rifiuti urbani campani), a meno che non aderiscano volontariamente al Sistri a partire dal 1° ottobre.

 

La legge 125/2013 di conversione del Dl 101/2013 ha stabilito che il periodo transitorio di adeguamento in cui convivono vecchi adempimenti "cartacei" e nuovi adempimenti "informatici" è stata allungato fino al 1° agosto 2014.

 

In questo periodo enti e imprese devono utilizzare i nuovi strumenti applicativi del Sistri continuando però a rispettare gli obblighi previgenti in materia di registri di carico e scarico e di formulari di identificazione (articoli 190 e 193 del D.Lgs. 152/2006 nella versione antecedente l'entrata in vigore delle modifiche introdotte dal D.Lgs 205/2010).

 

Le sanzioni decorreranno con la fine del periodo transitorio e quindi con il 1 agosto 2014 fatto salvo il periodo transitorio di regime sanzionatorio "attenuato" (previsto dal D.Lgs 205/2010).

 

Sul sito www.sistri.it  al segunete link: http://www.sistri.it/index.php?option=com_content&view=article&id=539&Itemid=181  è disponibile un format che le Imprese possono utilizzare per rivolgere quesiti al servizio di assistenza Sistri.

 

Legge n. 125 del 30 ottobre 2013

D.L. n. 101 del 31.08.2013



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualità dei contenuti di questa pagina


Non � presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]