Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 8 agosto 2020
Torna alla versione grafica - home

Turismo



Asti, 8 agosto 2020



Analisi economica provinciale



TURISMO

Contenuto pagina

ARRIVI-PRESENZE STRUTTURE RICETTIVE Provincia di Asti (Elaborazione dati ISTAT)

Il flusso turistico della provincia di Asti nei primi sei mesi del 2002 è consistito in 33.120 arrivi e 70.190 presenze, con un tempo di permanenza che corrisponde a 2,1 giorni. Il movimento turistico astigiano mantiene, pertanto, la connotazione di passaggio e di lavoro pur mettendo in evidenza un notevole ritmo di ascesa. Si registra infatti, rispetto al periodo analogo dell´anno precedente, un aumento del 7,8% degli arrivi e del 15,3% con riferimento alle presenze. Il 42% degli ospiti è rappresentato da stranieri il cui tasso di crescita nell´anno è stato del 12,9%. I soggiorni delle persone oltrecortina ammontano a 31.958 giorni, il 45,5% del totale delle presenze, ed il 18,9% in più rispetto al primo semestre 2001. Per tipologia di struttura si osserva negli alberghi, con il 31% dei posti letto, una capacità ricettiva inferiore, ma con un movimento molto più rilevante rispetto alle "Altre strutture ricettive" (69% dei posti letto). Gli alberghi denunciano infatti il 78% degli arrivi ed il 73% delle presenze. Dal confronto con lo scorso anno emerge una situazione stabile per gli arrivi e di aumento (+8,1%) dei soggiorni. Il turismo di competenza delle altre strutture ricettive (agriturismi, bed and breakfast) è ancora modesto, solo il 22% del totale, ma evidenzia, con una forte crescita sia degli arrivi (+48%) che delle presenze (+41%) realizzata in mesi considerati di "bassa stagione", una notevole potenzialità di espansione. In considerazione della crescita della domanda turistica e del numero delle strutture extralberghiere, sostenuto anche da incentivi regionali, si riscontra pertanto un esito positivo degli interventi volti alla valorizzazione del territorio e dei prodotti tipici.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]