Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 29 novembre 2020
Torna alla versione grafica - home

Credito



Asti, 29 novembre 2020



Analisi economica provinciale



CREDITO

Contenuto pagina

Impieghi-depositi per settore - Rapporto impieghi-depositi

Dai dati forniti dalla Banca d´Italia risulta che gli sportelli bancari della provincia di Asti, alla data del 30 giugno 2002, hanno concesso finanziamenti ed aperture di credito per 2.363,108 milioni di euro e nello stesso tempo hanno denunciato una situazione dei depositi ammontante a 1.735,622 milioni di euro. Dal movimento deriva un rapporto impieghi/depositi pari a 136,6, 4,7 punti in più del dato al 31/12/2001. I 2.363,108 milioni di euro investiti hanno fatto registrare un aumento del 4,2% rispetto al 30/06/2001 e dell´1,6% rispetto allo scorso mese di dicembre. Il fabbisogno delle imprese, costituito in 1.177,958 milioni di euro, il 49,8% del totale, è diminuito rispetto a sei mesi fa del 2,5%. Le richeste di credito da parte delle famiglie si sono concretizzate in 1.071,57 milioni di euro, il 45,3% del totale, valore che mette in evidenza un sensibile aumento sia dal confronto con il 31/12/2001 (+4,8%) che sul 30/06/2001 (+8,1%). L´aumento degli impieghi è ancora più rilevante nei confronti delle società finanziarie, soggetti non bancari operanti nel settore del credito che, con un ammontare di 77,566 milioni di euro, il 3,3% del totale, manifestano un incremento del giro di affari dell´11,7% nell´arco del semestre e del 17,35% rispetto ad un anno fa. Sul fronte depositi si osserva, come di norma, una disponibilità rilevante nei riguardi delle famiglie ammontante a 1.314,561 milioni di euro, il 75,7% del totale. Tale consistenza è diminuita dell´1,7% nell´ultimo semestre in esame, ma fa rilevare, nei confronti della stessa data dell´anno precedente, l´aumento del 6,9%. Per le imprese la liquidità è di 262,215 milioni di euro, l´8,9% in più del 30 giugno 2001.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]