Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 17 ottobre 2019
Torna alla versione grafica - home

Reddito



Asti, 17 ottobre 2019



Analisi economica provinciale



REDDITO

Contenuto pagina

L´Istituto Tagliacarne ha elaborato il valore aggiunto provinciale con la nuova metodogia di calcolo SEC 95 e ha quantificato il reddito prodotto in provincia di Asti nell´anno 2000 in 7.238,80 miliardi di lire. Tale valore fa rilevare, rispetto al valore aggiunto relativo all´anno 99, un aumento di reddito prodotto pari a 142,2 miliardi, il 2% in più, risultato non molto soddisfacente soprattutto se posto in relazione al 3,8% di incremento di reddito evidenziato nell´anno precedente. Il confronto è ancora più deludente alla luce del 4,4% realizzato a livello regionale e del 5,2% nazionale. Le giustificazioni di un così modesto tasso di crescita provinciale si trovano in una produzione di reddito al di sotto delle aspettative per il settore terziario (+0,6%) e per quello agricolo (+1,3%). Solo nel settore secondario la formazione di valore aggiunto ha dato buoni risultati con un tasso di crescita del 5,4%. Con 7.238,80 miliardi il contributo della provincia di Asti al reddito nazionale corrisponde allo 0,35%. Per settore si osserva che tale peso risulta dello 0,68% sul reddito prodotto in agricoltura, dello 0,37% sul reddito prodotto dal comparto industriale e dello 0,32% sul reddito relativo al settore terziario. Rispetto a quanto rilevato negli anni precedenti si rileva una tendenza all´aumento del reddito delle produzioni agricole a fronte di un minor contributo in ordine al reddito prodotto dal terziario. Negli ultimi sei anni il peso della produzione di reddito locale sul valore aggiunto complessivo non è variato. Per settore si constata: - un mancato processo di terziarizzazione essendo leggermente diminuito il peso dei servizi, - una stazionarietà di reddito prodotto dal settore manifatturiero nonostante un evidente ridimensionamento delle strutture industriali della provincia di Asti e nel contempo un maggior peso, in termini di valore aggiunto, del settore edile, - una modesta accentuazione del peso dell´agricoltura sul valore aggiunto agricolo nazionale passata dallo 0,61% del 1995 allo 0,68% del 2000. Sul totale regionale il reddito prodotto in provincia di Asti rappresenta il 4%, rapporto che si è costituito dal 10,3% dell´agricoltura, dal 3,5% dell´industria e dal 4,1% dei servizi. Il totale di 7.238,80 miliardi di valore aggiunto provinciale risulta composto da 394,4 miliardi relativi all´agricoltura, pari al 5,45% da 2.182,50 miliardi corrispondenti al reddito prodotto dall´industria, il 30,15%, e da 4.661,80 miliardi relativi al terziario, cioè il 64,4%. A livello nazionale la percentuale di composizione del valore aggiunto per settore di attività economica nel 2000 attribuisce all´agricoltura il 2,78%, all´industria il 28,29% ed ai servizi il 68,92%. La Regione Piemonte suddivide il reddito prodotto per il 2,13% all´agricoltura, per il 34,85% all´industria e per il 63,01% al terziario. Nel 2000 il P.I.L. provinciale pro-capite ammonta a lire 33.156.600, vale a dire il 2,3% in più rispetto al 1999 a fronte di una aumento regionale del 4,5% e nazionale del 5%. Questo ulteriore cedimento ha relegato la posizione della provincia di Asti nella graduatoria nazionale al 57° posto e in quella dell´Italia settentrionale al 44° su 45 province seguita solo dal Verbano-Cusio-Ossola. Considerato uguale a 100 il valore medio nazionale, il numero indice riferito ad Asti è pari a 95,5, ben 4,5 punti in meno. Rispetto al 1995 la posizione astigiana in merito al valore aggiunto pro-capite è stazionaria. Negli ultimi sei anni la variazione percentuale media del reddito è stata del 4,75% a fronte di una variazione media del tasso di inflazione considerato sulla base dell´aumento dell´indice costo vita pari al 2,88%. Il 2000 ha rappresentato il punto di minima variazione del reddito, mentre il 1995 ha costituito un punto di massima. Nei sei anni considerati il valore aggiunto pro-capite regionale e nazionale hanno messo in evidenza un ritmo medio di crescita rispettivamente del 4,85% e del 4,92%. Fino all´anno 1999 il sistema produttivo astigiano sembrava mettere in atto una buona capacità di recupero tale da portare su migliori posizioni la provincia di Asti, ma l´ultimo dato rilevato ha vanificato i progressi raggiunti.

Reddito prodotto in provincia di Asti



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]