Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 20 settembre 2019
Torna alla versione grafica - home

Cassa Integrazione Guadagni



Asti, 20 settembre 2019



Analisi economica provinciale



CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

Contenuto pagina

Interventi ordinari e straordinari - Numero ore autorizzate nel 2002

Nel 2002 il ricorso alla CIG da parte del settore manifatturiero astigiano è risultato di 711.162 ore, 300.602 ore in più del ricorso relativo all´anno 2001, pari ad un aumento del 73,2%.
Le ore autorizzate nel confronti del settore meccanico ammontano a 421.432, vale a dire il 200% in più del ricorso rilevato nel 2001. Tali dati mettono in evidenza le rilevanti ripercussioni della crisi dell´indotto auto sul tessuto industriale locale che vede proprio nel settore metalmeccanico il comparto più rilevante quanto a numero di insediamenti ed a consistenza occupazionale.
L´intervento CIG ordinario è stato inoltre notevole per le industrie metallurgiche che, con un ricorso totale di 86.208 ore, hanno evidenziato, rispetto allo scorso anno, l´aumento del 49,4%.
Anche i ricorsi di 40.525 ore di CIG ordinaria a carico del settore abbigliamento e di 30.756 di competenza del settore alimentare fanno pensare a difficoltà di ordine congiunturale.
Sembra invece normalizzarsi l´andamento del settore legno che, con un ricorso di 22.484 ore, ha ridotto il proprio fabbisogno del 77,5%, e dell´industria chimica che ha limitato l´intervento a 2.180 ore a fronte di 12.880 ore richieste nel 2001.
La gestione edilizia ha riconosciuto 44.860 ore di CIG alle imprese artigiane e 52.817 all´industria. Il ricorso è risultato superiore allo scorso anno del 44,7% per il settore artigiano e del 26,5% per il settore industriale.
L´intervento straordinario non riflette il clima d´opinioni che il settore sta vivendo: i decreti emessi autorizzano il ricorso a 154.293 ore ma sicuramente non comprendono tutte le richieste avanzate; di conseguenza il confronto con il 2001 mette in evidenza una flessione di 278.675 ore, pari al 64%.





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina


Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]