Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio di Asti, 23 novembre 2017 data
Torna alla versione grafica - home

NovitÓ



Asti, 23 novembre 2017
Ultimo aggiornamento: 10.02.2017



Percorso di navigazione

Strumento

NovitÓ

 

Contenuto della pagina

10.02.2017

Attenzione alle pratiche commerciali scorrette con invio di bollettini alle imprese.


E’ stato segnalato da più imprese, a livello nazionale, l’invio di bollettini precompilati, con la richiesta di pagamento per l’iscrizione ad un “Casellario Unico Telematico delle Imprese”.

Parallelamente, la questione è sorta – in termini analoghi – anche per richieste di iscrizioni ad un “Portale imprese”.

In seguito a questi fatti, Unioncamere ha chiesto l'intervento dell'Autorità garante della concorrenza per verificare la situazione.

L’Autorità garante, con i  provvedimenti n. 26336 e n. 26337, pubblicati nel Bollettino n. 3/2017, ha stabilito quindi che le pratiche in oggetto costituiscono pratiche scorrette, ai sensi del codice del consumo, con l’irrogazione di una sanzione amministrativa per i responsabili, rispettivamente di 50.000 euro e di 120.000 euro.

Si prega pertanto di prestare attenzione a simili richieste che pervenissero alle imprese, sottolineando che gli adempimenti relativi alle iscrizioni o annotazioni presso la Camera di commercio sono previsti da disposizioni normative connesse con il ruolo pubblico svolto dall’ente e, quindi, si svolgono secondo i principi di legalità, lealtà e correttezza che connaturano l’azione amministrativa nei confronti dei destinatari delle attività e dei servizi.

Inoltre alcune ditte e persone, che hanno depositato domande per la registrazione di marchi di impresa o che sono titolari di registrazioni nazionali o internazionali, stanno ricevendo richieste di pagamento da parte di società private che nulla hanno a che fare con la Camera di Commercio di Asti e con il suo ufficio marchi e brevetti.

In particolare sono stati segnalati alla Camera di commercio i seguenti casi:

  • Lettera inviata da INDAB, avente come oggetto la ‘Pubblicazione di marchi su Internet” con bollettino allegato dell’importo di 1.020 €;
  • “TM Publisher Banca dati internazionale di marchi registrati": comunicazioni contenenti ordini di bonifico di 795 euro per la pubblicazione a scopo conoscitivo dei marchi;
  • Lettera intitolata Ufficio Registro dei Marchi - Registrazione dei marchi internazionali inviata da Odm srl s.r.o Patent Trademark Register – Bratislava (Slovacchia): richiesta di versamento su c/c bancario di 565 euro per la pubblicazione dei dati relativi ai brevetti in un database.

La Camera di Commercio di Asti avverte chiunque dovesse ricevere tali proposte commerciali che si tratta di versamenti non obbligatori.